Sei in: Skip Navigation LinksHome > Uffici e Servizi > Ufficio Tributi > Il Ravvedimento Operoso per i tributi comunali
Il Ravvedimento Operoso per i tributi comunali
Indietro

UFFICIO TRIBUTI

(ultimo aggiornamento 9/5/2017)

Ravvedimento Operoso applicabile ai tributi locali

Il contribuente che, per vari motivi, versa in ritardo i tributi comunali (IMU/TASI/TARI.....) o si accorge di non aver versato correttamente quanto dovuto, può sanare tali inadempimenti utilizzando l'istituto del ravvedimento operoso purchè entro e non oltre 1 anno da quando è scaduto il termine per il pagamento o per la presentazione della dichiarazione (se dovuta).

Le condizioni che permettono al contribuente di sanare spontaneamente quanto non correttamente versato (o i mancati versamenti) sono:

  1. assenza di verifiche in corso e comunque già iniziate da parte dell'Ufficio Tributi
  2. rispetto dei termini entro i quali è possibile procedere alla sanatoria
  3. trasmissione della comunicazione all'Ufficio Tributi (corredata dalla copia del versamento regolarizzato)

Richiamato l'articolo 13 del D.Lgs n. 472/1997 e successive modifiche (compreso la manovra correttiva 2011 che ha introdotto il ravvedimento "sprint" nonché le  ultime disposizioni previste dalla lettera a)-bis dell'articolo 13 del DLgs 472/97 introdotta dall'art. 1 comma 637 Legge 190/2014 Legge di stabilità 2015 e l'art. 1 della Legge 208/2015 Legge di stabilità 2016) le modalità di effettuazione del ravvedimeno operoso sono le seguenti:

TIPOLOGIA: SANZIONE PER OMESSO, PARZIALE O TARDIVO VERSAMENTO (art. 13 del D.Lgs.471/1997 come modificato dall'art. 15 comma 1 del D.Lgs.158/2015)


RAVVEDIMENTO "SPRINT" entro 14 giorni dalla scadenza: viene applicato all'imposta lo 0,1% per ogni giorno di ritardo (sino al 31/12/2015 si applicava lo 0,2% per ogni giorno di ritardo mentre dal 1 gennaio 2016 la percentuale si abbassa allo 0,1%) ad esempio: versamento scaduto il 16 dicembre 2015 e regolarizzato il 30 dicembre maggiorazione = 0,1 x 8 = 0,8 %  da applicare all'imposta dovuta

RAVVEDIMENTO "BREVE" dal 15° giorno al 30° giorno successivo alla scadenza: viene applicata in tal caso la sanzione dell'1,5% (sino al 31/12/2015 si applicava il 3%, da gennaio 2016 ulteriormente dimezzata all'1,5). Esempio: versamento scaduto il 16 dicembre 2015, se regolarizzato entro il 15 gennaio 2016 è possibile applicare la sanzione dell'1,5% all'imposta dovuta

RAVVEDIMENTO "INTERMEDIO" dal 31° giorno al 90° giorno successivo alla scadenza: viene applicata in tal caso la sanzione dell' 1,67%   (sino al 31/12/2015 si applicava il 3,33%, da gennaio 2016 ulteriormente dimezzata all'1,67). Esempio: versamento scaduto il 16 dicembre 2015, se regolarizzato a partire dal 16 gennaio e fino al 16 marzo 2016 è possibile applicare la sanzione dell'1,67% all'imposta dovuta.

RAVVEDIMENTO "LUNGO" dal 91° giorno e non oltre 1 anno dalla scadenza: viene applicata in tal caso la sanzione del 3,75%

SANZIONE PER TARDIVA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE (art. 7 D.Lgs.472/1997 come modificato dall'art. 16, comma 1, lettera c) del D.Lgs.158/2015)

Se la dichiarazione viene presentata entro 30 giorni: sanzione ridotta al 5%

Dal 31° al 90° giorno: sanzione ridotta al 10%

oltre il 90° giorno: sanzione intera (dal 100% al 200%) 

CALCOLO INTERESSI (per tutti i tipi di ravvedimento): sono quelli legali da calcolare per ogni giorno di ritardo sino a quello in cui viene pagato il ravvedimento operoso. (Sino al 31/12/2016 0,2% mentre dal 1 gennaio 2017 l'interesse legale scende allo 0,1%)

Modalità di versamento

 

Dopo aver effettuato i calcoli nel modello di versamento (F24 per IMU/TASI/TARI) va riportato soltanto il totale comprensivo del tributo + sanzione + interessi utilizzando gli stessi codici dei tributi da regolarizzare indicando come codice catastale Comune di Mozzanica: F786.

 

 

Riepilogo codici

 

  • 3914 imu terreni
  • 3916 imu aree fabbricabili
  • 3918 imu altri fabbricati (escluso cat. D)
  • 3930 imu immobili cat. D uso produttivo QUOTA COMUNALE
  • 3925 imu immobili cat. D uso produttivo QUOTA STATALE
  • 3958 tasi abitazione principale e relative pertinenze
  • 3960 tasi fabbricati rurali ad uso strumentale

 

(Non utilizzare i codici relativi alle sanzioni e interessi che sono quelli che il Comune riporta nei modelli F24 allegati agli avvisi di accertamento)

 

L'Ufficio Tributi è a disposizione per il calcolo e la compilazione dei modelli del ravvedimento operoso. E' possibile inoltre calcolare autonomamente il ravvedimento stampando i calcoli, il modello F24 e la comunicazione all'Ufficio Tributi da farsi successivamente al pagamento. Per il calcolo automatico su importi da ravvedere anno 2017

Per ravvedere importi riferiti all'anno 2016