Sei in: Skip Navigation LinksHome > Ambiente e Territorio > Interventi e Iniziative > Provvedimenti per la prevenzione e il controllo dell'infestazione da Aedes Albopictus (zanzara tigre) nel territorio comunale
Provvedimenti per la prevenzione e il controllo dell'infestazione da Aedes Albopictus (zanzara tigre) nel territorio comunale
Indietro

La Zanzara Tigre (fonte notizie: ASL Bergamo)

 

La zanzara tigre (Aedes albopictus) è un insetto appartenente alla famiglia Culicidae, diffusosi in Italia e in Europa dagli anni novanta in poi. La zanzara tigre è lunga dai 2 ai 10 millimetri. È vistosamente tigrata di bianco e nero. A differenza di altre specie è attiva durante il giorno, e non solamente all'alba o al tramonto. La zanzara tigre punge rapidamente riuscendo così a fuggire velocemente. Depone le uova in piccoli contenitori con piccole quantità di acqua: vasi, sottovasi, fognature otturate, grondaie, recipienti di scarto. Le uova resistono alla siccità e possono sopravvivere finché il contenitore dove sono state deposte non si riempie nuovamente di acqua piovana. La zanzara tigre ha un limitato raggio d'azione (meno di 100 metri); perciò i luoghi di deposizione delle uova sono vicini a dove si osservano le zanzare. Come altre specie, soltanto le femmine di Aedes albopictus hanno bisogno di un pasto di sangue per la produzione delle uova. La caratteristica principale della zanzara tigre è la sua aggressività ed il fatto di essere attiva sia di giorno che di notte, anche se predilige la mattina ed il pomeriggio. L'Aedes albopictus può trasmettere patogeni e virus come il virus della febbre del Nilo, della febbre gialla, del dengue, l'agente patogeno della dirofilariasi e chikungunya. Per evitare la diffusione e l'insediamento della specie, un efficace monitoraggio e una buona sorveglianza sono essenziali. Nel controllo della zanzara tigre gioca un ruolo importante la distruzione dei luoghi di deposizione delle uova, che non sono mai lontani da dove le persone vengono punte. Inoltre vanno individuate pozzanghere che non si essiccano entro tre giorni, grondaie incurvate od otturate, copertoni vecchi contenenti dell'acqua, abbeveratoi per uccelli, sifoni di fogne, sistemi di drenaggio con acqua stagnante e qualsiasi altro accumulo di acqua. Per evitare che le zanzare ci depongano le uova, è consigliabile riempire di sabbia o ghiaia fine vasi, buchi di nodi di alberi ed altre fessure in grado di raccogliere dell'acqua.

 VISUALIZZA IL TESTO DELL'ORDINANZA SINDACALE N. 2 DEL 2/4/2016 SULLE MISURE DI PREVENZIONE NEL TERRITORIO COMUNALE