Comune di Mozzanica
Sei in: Skip Navigation LinksHome > News-Primopiano

Scadenza IMU rata acconto 2018
Indietro

Si informa che entro il giorno 18 giugno 2018 (il giorno 16 cade in sabato) deve essere versato l'acconto IMU (e TASI solo per chi possiede fabbricati rurali strumentali) relativamente al corrente anno.
Il Comune ha provveduto ad inviare gli avvisi di pagamento ed i relativi modelli F24: sono state confermate le aliquote già adottate dall'anno 2014. Per le diverse tipologie e fattispecie di pagamento si invita a consultare il prospetto scaricabile da questo link 

 

FATTISPECIE

NOTE

ALIQUOTA 2018

Abitazione principale (solo categorie catastali A/1-A/8-A/9) e relative pertinenze

Detrazione: € 200,00 da suddividere in parti uguali tra i proprietari residenti indipendentemente dalle rispettive quote di possesso

3,8

Unità immobiliari adibite ad abitazione principale ed eventuali pertinenze concesse in uso gratuito tra genitori e figli

Valida per una sola abitazione (a scelta del contribuente) e alle condizioni tutte di cui all’art. 12 del regolamento comunale IMU

9,5

Immobili a destinazione residenziale (escluso i comodati gratuiti sopra riportati) che rientrano in cat. A e C ad eccezione delle cat. A/10-A/1-A/8-A/9 e C/1-C/3-C/4-C/5 e i C/2 non di pertinenza di abitazioni se utilizzati come depositi di attività artigianali e/o commerciali

Rientrano nella fattispecie le abitazioni vuote, non utilizzate, a disposizione, locate così come le pertinenze dell’abitazione principale che eccedono per numero quelle consentite (ad esempio il secondo box in categoria C/6), i comodati gratuiti che non rientrano nella fattispecie di quelli che godono di riduzione agevolativa dell’aliquota (ad esempio l’immobile in uso gratuito tra fratelli)

 

10,6

Immobili in categoria catastale D/5 (Banche)

Per effetto di quanto previsto dall’art. 1 comma 380 lettera g) L.228/2012 quota riserva statale: 7,6‰, quota comunale: 3‰

10,6

Tutti gli altri immobili in categoria D (eccetto D/5 e fabbricati rurali strumentali)

Per effetto di quanto previsto dall’art. 1 comma 380 lettera g) L.228/2012 quota riserva statale: 7,6‰, quota comunale: 1,9‰

9,5

Immobili a destinazione artigianale/commerciale, negozi, uffici e studi privati

Categorie catastali: B, A/10, C/1-C/3-C/4-C/5, C2 (se utilizzati come depositi commerciali/artigianali)

9,5

Aree fabbricabili

 

9,5

Terreni agricoli

Diversi da quelli posseduti e condotti da coltivatori diretti o IAP

9,5